PERETO

Situato al confine tra Abruzzo e Lazio, alle pendici del Monte Fontecellese, Pereto è un borgo marsicano con poco più di 600 abitanti. Già al tempo delle guerre italiche, equi e marsi si contendevano il dominio sui luoghi in considerazione della posizione strategica che rivestono, ora come allora.

Le prime note ufficiali sulle vicende del borgo risalgono al X secolo, quando l’Abate di Montecassino concesse a Rainaldo, conte dei Marsi, la chiesa di S. Silvestro in Perito, toponimo medievale del paese. Durante il Basso Medioevo, Pereto subì l’influenza delle Contee di Albe e Tagliacozzo per poi passare sotto l’egida di Orsini prima e Colonna poi tra XV e XVI secolo, al pari di tutta l’aerea marsicana. Nell’Ottocento il borgo fu afflitto dal fenomeno del brigantaggio, capace di destabilizzare tutta l’area marsicana fino alla fine del secolo.

Da visitare il castello, i cui blocchi principali sono stati edificati tra XII e XIV secolo.

 

 

 

Credit: Lamberto Placidi, Pietro